Servizi di interpretariato e traduzione

Redazione traduzioni scritte in russo, inglese e italiano

L’Italia che va – Mobili e sedie friulani

industria-legno-mobilificiI mobili (e le sedie) friulani: nuove nicchie produttive di artigiani, professionisti e designer.

Molte imprese locali del legno, del mobile e dell’arredo, nonostante la crisi, esportano all’estero puntando su innovazione, green economy e qualità, guardando verso i nuovi mercati euroasiatici per andare avanti. Il marchio EAC imposto ai produttori stranieri per esportazioni-importazioni in Russia/Customs Union. 

Questo è un vasto territorio, molti sono i marchi e i brand riconoscibili nel mondo che provengono da quest’area divisa tra le regioni Friuli Venezia Giulia e Veneto, a cavallo del fiume Livenza e proprio l'acqua è l'elemento che caratterizza tutta l'area. Nei 19 Comuni del mobile e del legno in provincia di Pordenone, non si perde occasione per ricordare i bei tempi della Serenissima Repubblica di Venezia: le merci attraverso il fiume arrivavano dalla laguna ai porti fluviali e da lì trasferite sui carri e portate in Germania. Inoltre, lungo il Livenza scendevano anche le zattere cariche di legname destinate a costruire Venezia. Sotto la guida attenta dei maestri, motore dell'economia locale,  prendono forma mobili, cucine, imbottiti, porte, finestre, pavimenti per l'edilizia, ante, cassetti, finitura e imballaggi, tutto fatto in casa senza delocalizzare all'estero.

Gli artigiani pordenonesi hanno saputo trasformare un'abilità in business mantenendo il legame alla manualità. Allora a fare incetta di legname per costruzione erano le nazioni più ricche e più forti, un'internazionalizzazione in anticipo rispetto ai tempi. Lo scenario economico della zona del Livenza ad inizio secolo XX era profondamente diverso da quella attuale: i falegnami e i marangoni-carpentieri lavoravano in piccole botteghe, accontentavano le richieste del circondario realizzando mobili rustici e attrezzi per l’agricoltura. Tali artigiani non erano specializzati e il concetto del semilavorato non esisteva, fabbricavano qualsiasi cosa l'economia agricola della zona richiedesse occupando l’intero ciclo di produzione. L’apertura negli anni ‘30 della scuola professionale di Francenigo, ora Istituto del mobile e dell’arredamento di Brugnera, è stata di grande importanza per la formazione dei futuri mobilieri perché permettè agli artigiani di apprendere concetti di disegno utili ad integrare la loro esperienza professionale.

Attualmente le maestranze sono diventate uniche, le botteghe e laboratori di una volta sono diventati intraprendenti artigiani. Oggi, anche grazie a designer e professionisti del marketing, quest'area del Nord Est, compresa tra le province di Treviso e Pordenone, trova dimora una delle più importanti concentrazioni industriali d’Italia nel campo del legno e del mobile, con Como, Monza-Brianza e la vicina Udine. I mobili e le soluzioni di arredo del Livenza sono raffinati, funzionali e perciò esportati in tutto il mondo. Anche in periodo di crisi continuano a fare innovazione e occupazione. La produzione e' orientata alla proposta di arredi e complementi per la casa, sia per la zona notte che per quella giorno, reinterpretando le nuove esigenze del vivere contemporaneo. Flessibilita' produttiva e specialità per l’arredamento permettono a queste aziende di creare arredamenti personalizzati per ogni esigenza e struttura, servizi “chiavi in mano” per il settore alberghiero, residenziale collettivo e privato; la ricerca applicata basata sull’alta tecnologia consente a questi maestri di realizzare cucine costruite a regola d’arte e anche allestire le cabine delle più importanti navi da crociera. Il settore del mobile imbottito, con il costante obiettivo di sviluppare modelli innovativi ed in linea con l’evoluzione delle esigenze del mercato, l’esperienza maturata in questi anni e la capacità di associare un prodotto ritenuto ancora artigianale con creatività e processi produttivi, ha creato un prodotto dove le esigenze funzionali si coniugano con quelle estetiche. Inoltre, la continua ricerca di materiali innovativi e di avanzate tecnologie evolutive, hanno permesso di offrire ai mercati emergenti nuovi prodotti passando dai divani imbottiti in pelle e tessuto, ai divani prontoletto, ai letti imbottiti, alle sedute relax e per finire complementi reinventati.

Il simbolo del mobile Livenza nella comunicazione è una semplice matita in legno da falegname con la mina blu a simboleggiare storia, tradizione e futuro. Dalla matita inizia tutto il processo produttivo che fa nascere i mobili. Il legno della matita rimanda alla materia prima con cui sono costruiti i mobili, non una comune matita in legno chiaro, dolce ed economico, ma di legno con una tonalità calda e di qualità superiore, in modo da sottolineare l’artigianalità, l’attenzione ai materiali e la cura nella produzione adottate dalla aziende del Livenza. Un segno riconoscibile non solo nel contesto culturale italiano, ma comprensibile e positivo anche per le altre culture.

Una menzione non meno importante va a quel reticolo di ca. 800 aziende in tre paesini nei pressi di Udine (poco distante dal Livenza) che sfornava già negli anni ’90 il 70% delle sedie italiane e la metà di tutte quelle prodotte in Europa. E’ il polo produttivo industriale della sedia tra i comuni di Corno di Rosazzo, Manzano e San Giovanni al Natisone, ovvero il triangolo della sedia. Oggi nel polo produttivo udinese i comuni sono diventati 11 e l’impresa risulta specializzata quasi esclusivamente nella produzione di sedie: un’intensa divisione del lavoro tra piccole e medie imprese, tutte altamente specializzate nelle singole fasi del processo produttivo, dalla produzione della componentistica, all’assemblaggio e rifinitura dei prodotti. Comune denominatore di tutta la specializzazione produttiva è la garanzia di un know-how che coniuga la tradizione alla più moderna tecnologia, l’alto standard qualitativo di ogni singola componente e quindi del prodotto finale. La forte vocazione all'esportazione di queste aziende evidenzia come le competenze tecno produttive locali riescano ad esprimere una notevole capacità di adeguamento al mercato, la condivisione di un sistema di conoscenze che garantisce lo sviluppo delle competenze e la diffusione del processo innovativo.

SICAM, nel cuore dell’industria che produce oltre il 40 per cento del mobile italiano, a Pordenone, è la fiera per componenti e accessori in legno: tutto il mondo della fornitura, una vetrina importante, la più completa ed esaustiva possibile. Accanto a tutti i big mondiali della ferramenta la fiera di Pordenone ospita carte e decorativi, ante, legno, pannelli, componenti, meccanismi, elettrodomestici, tranciati, attrezzature e materiali per gli imbottiti, abrasivi, collanti, vernici, tessuti e pellami. Pordenone, una città, un territorio e una fiera che offrono molte attrattive, una proposta alberghiera adeguata e un patrimonio culturale, enogastronomico e architettonico di primissimo piano. SICAM il posto giusto, trovi tutto ciò che serve per costruire un mobile!

ARSCON per aziende esportatori-importatori

Gli speciali de L’ITALIA CHE VA, promossi da ARSCON, dedicati a specifici settori produttivi, permettono di valorizzare i punti di forza delle aziende presenti sul territorio assistendole nella fase delle esportazioni verso i mercati orientali del futuro. ARSCON accompagna le imprese, anche se non hanno mai operato sui mercati esteri o non sono esportatrici abituali, interessate ad apprendere e condividere un modello di lavoro che consenta di avviare un percorso di crescita per l’ottenimento del Marchio EAC dell'Unione Economica Eurasiatica EAEU, la certificazione di qualità di prodotto aziendale, i requisiti cogenti, la documentazione tradotta lingua russa per la dogana, etichettatura, ecc. necessari per poter commercializzare i prodotti su questi mercati.

L'ottimizzazione dell’impiego delle risorse di un’organizzazione e la definizione di processi standardizzati, controllati e documentati non possono che migliorare le performance aziendali e tradursi quindi un importante elemento di competitività in un mercato che tende sempre di più a punire improvvisazione e disorganizzazione. In quest’ottica, vogliamo sostenere le aziende che desiderano promuovere i loro prodotti sui mercati di Russia, Bielorussia, Kazakistan, Arrmenia e Kirghizistan, volte da un lato ad una tensione al miglioramento delle proprie prestazioni (in termini di qualità del prodotto e di capacità di gestione delle proprie risorse) e dall’altro delegando a noi specialisti di trasmettere l’informazione e la conoscenza al rispetto dei requisiti più o meno vincolanti posti da committenti pubblici e privati. In un’ottica di medio periodo, valuteremo con le aziende quale approccio per lo sviluppo di tutta la documentazione necessaria all’export, il piano di azione, l’investimento.

ARSCON offre servizi di assistenza tecnica, certificazione di conformità prodotto TR EAC e consulenza professionale per l'export in Russia e Paesi dell'Unione EAEU, accompagnando le ditte che affrontano il percorso per l’adozione della specifica tecnica TR EAC per poter esportare in Russia/EAEU.

Valutando il presente valorizziamo il futuro!

Scopri i nostri servizi: chiama l’Assistenza Clienti 199.240.622 o via web arscon.eu

Servizio Clienti

tel-199-arscon-it
email-arscon-it 

FACEBOOKgoogleplusyoutube

BLOG News

Cerca nel sito

ARSCON è associata a

confartigianato vicenza

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile sul nostro sito web.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente ne accetta la trasmissione sul proprio dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa Cookies

Informativa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 (c.d. codice privacy)

Ai sensi dell’art. 13 del Codice Privacy ed in ottemperanza alle prescrizioni del Provvedimento 229/2014 del Garante per la Protezione dei Dati Personali, si informa che il presente sito utilizza le seguenti tipologie di cookie (ossia dei piccoli file di testo che i siti visitati inviano al tuo device, dove vengono poi memorizzati al fine di essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva):

 

Cookie tecnici

Quei cookie strettamente necessari per permettere:

La navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di autenticarsi per accedere ad aree riservate, "cookie di navigazione o di sessione");

La raccolta di informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso ("cookie analytics");

La navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto, "cookie di funzionalità") al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Tali cookie sono installati direttamente da questo sito e poiché non vengono utilizzati per scopi ulteriori rispetto a quelli funzionali sopra descritti la loro installazione non richiede il tuo consenso.


Cookie di profilazione di terze parti
Tali cookie sono installati da soggetti diversi da questo sito e l’installazione degli stessi richiede il tuo consenso; in mancanza gli stessi non saranno installati.

Ti riportiamo quindi di seguito i link alle informative privacy delle terze parti dove potrai esprimere il tuo consenso all’installazione di tali cookie evidenziando che, laddove non effettuassi alcuna scelta e decidessi di proseguire comunque con la navigazione all’interno del presente sito web, acconsentirai all’uso di tali cookie.

Google+ - Informativa: http://www.google.com/intl/it_it/policies/technologies/types/
Facebook - Informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
YouTube - Informativa: https://www.youtube.com/static?template=privacy_guidelines&gl=IT

 

Gestione dei cookie e configurazione dei browser

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.

Attenzione:
La disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito.

La disabilitazione dei cookie “terze parti” non pregiudica in alcun modo la navigabilità.

L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie “proprietari” e per quelli di “terze parti”.

A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti -> Opzioni -> Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.

    Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
    Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
    Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9
    Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html
    Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT

 
Fermo restando quanto precede, informiamo che l’Utente può avvalersi di Your Online Choiceshttp://www.youronlinechoices.com. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. E' possibile pertanto utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.